Barba & Unghie per Rosh HaShanàh

22 Elul! (23° giorno) 71-80

Spesso si cominciano a studiare le Halakhot delle Selichot e non rimane tempo per approfondire altri argomenti necessari durante le feste. Abbiamo trattato di alcuni argomenti riguardo alle Selichot, ed è possibile trovare più ampia trattazione nel libro "Le Halakhot del Mese di Elul", mentre riguardo a Rosh HaShanàh è possibile trovare alcuni approfondimenti su punti principali nel Maçhazor traslitterato ed essenziale per donne "Shanàh Tovàh". Trattiamo qui invece le halakhot degli Arba'at HaMinim, le quattro specie che è necessario scuotere durante Sukkot. Sottolineo che nei prossimi giorni toccheremo solo alcuni punti, ma è fondamentale saperli e 'tenerli di conto'.

2552. Radersi la barba. E’ necessario stare attenti quando ci si rade la barba. E’ assolutamente vietato senza alcuna discussione radersela con la lametta. Ci sono facilitazioni per alcuni modelli di rasoi elettrici, che non vanno in profondità e non radono il pelo dalla radice. Altrimenti il rischio è quello di contravvenire il divieto della Toràh di “Lo Tashçhit Peat Zeqanekha” [spiegato nella pagina successiva Be”H] per 5 volte, quanti sono gli “angoli della barba”. (vedi Shulchan ‘arukh Yorèh De’a 181:11, vedi anche lungamente il testo Peat Zeqanekha di Rav Avraham ‘ades שליט"א che illustra in modo chiaro tutte queste norme) 

2553. Tagliarsi le unghie. Si taglino le unghie prima di Rosh HaShanàh. (Tanya Rabbatì 72 pag. 155, Kaf HaChajim Sofer (Orach Chajim 581:81)), meglio prima di effettuare la Tevillàh. (vedi Kaf HaChajim Sofer (Orach Chajim 606:58)) [vedi pag . 122 per le questioni relative alla Tevillàh]




[Le Halakhot sono tratte dal libro "Le Halakhot del Mese di Elul"]

Vigilia di Rosh HaShanàh - Allenarsi con lo Shofar

21 Elul! (22° giorno) 61-70

Spesso si cominciano a studiare le Halakhot delle Selichot e non rimane tempo per approfondire altri argomenti necessari durante le feste. Abbiamo trattato di alcuni argomenti riguardo alle Selichot, ed è possibile trovare più ampia trattazione nel libro "Le Halakhot del Mese di Elul", mentre riguardo a Rosh HaShanàh è possibile trovare alcuni approfondimenti su punti principali nel Maçhazor traslitterato ed essenziale per donne "Shanàh Tovàh". Trattiamo qui invece le halakhot degli Arba'at HaMinim, le quattro specie che è necessario scuotere durante Sukkot. Sottolineo che nei prossimi giorni toccheremo solo alcuni punti, ma è fondamentale saperli e 'tenerli di conto'.

2550. Allenarsi. Chi deve allenarsi per suonare lo Shofar perché ancora non è sufficientemente pronto prima di Rosh HaShanàh, si può facilitare se suona chiuso in una stanza da solo. (Mishnàh Beruràh 581:24, Ben Ish Chai Nitzavim 2, Kaf HaChajim Sofer (Orach Chajim 586:76)) 

2551. Rosh HaShanàh di Shabbat Qodesh. Persino quando il primo giorno di Rosh HaShanàh cade di Shabbat Qodesh, non si suona lo Shofar alla sua vigilia. Perché anche se non si suona effettivamente lo Shofar, lo si ricorda con le parole זכרון תרועה “Zikhron Teru’ah” ed è considerato come se fosse stato suonato. Inoltre nel Bet HaMiqdash si suonava anche in quest’occasione. (vedi Mishnàh Beruràh 581:24, Kaf HaChajim Sofer (Orach Chajim 581:77))

Vigilia di Rosh HaShanàh - suonare lo Shofar

20 Elul! (21° giorno) 51-60

Spesso si cominciano a studiare le Halakhot delle Selichot e non rimane tempo per approfondire altri argomenti necessari durante le feste. Abbiamo trattato di alcuni argomenti riguardo alle Selichot, ed è possibile trovare più ampia trattazione nel libro "Le Halakhot del Mese di Elul", mentre riguardo a Rosh HaShanàh è possibile trovare alcuni approfondimenti su punti principali nel Maçhazor traslitterato ed essenziale per donne "Shanàh Tovàh". Trattiamo qui invece le halakhot degli Arba'at HaMinim, le quattro specie che è necessario scuotere durante Sukkot. Sottolineo che nei prossimi giorni toccheremo solo alcuni punti, ma è fondamentale saperli e 'tenerli di conto'.

2548Suonare lo Shofar. La vigilia di Rosh HaShanàh è vietato suonare lo Shofar. (Ramà ז"ל Orach Chajim 581:3) Persino in una stanza chiusa da solo. (Mishnàh Beruràh 581:24, Ben Ish Chai Nitzavim 2, Kaf HaChajim Sofer (Orach Chajim 586:76))

Perché non si suona lo Shofar la vigilia di Rosh HaShanàh? 

Ci sono due motivi principali per cui non si suona lo Shofar la Vigilia di Rosh HaShanàh, e si sta attenti ad entrambi :
1. Per interrompere. S’interrompe tra le Teqi’ot obbligatorie e quelle non.
2. Confondere il Sa-tan. Finora ha sentito il suono dello Shofar, e sa che tra poco potrebbe arrivare Rosh haShanàh. Per confonderlo, e fargli pensare che Rosh HaShanàh sia già passato , si evita di suonare in tale giorno.
Domanda. Ma che, ci “casca” sempre?
Un dubbio molto comune è: com’è possibile che di anno in anno questo angelo “poco simpatico” venga confuso sempre nello stesso modo? Come fa a cascarci ogni volta? Ho sentito una volta una risposta da Rav Ben Tzion Mutzaffi שליט"א – (buona parte de)gli angeli non hanno la possibilità di apprendere! A differenza dell’uomo che può apprendere, gli angeli rimangono esattamente come HaShem li ha creati. Pertanto, ogni anno può “cascare” nello stesso trucchetto. Cerchiamo invece noi di sfruttare questo vantaggio che abbiamo sulle schiere angeliche e per poterci elevare incredibilmente.

2549. La notte. La stessa norma vale anche se si volesse suonare la sera precedente Rosh HaShanàh. (Mattè Efraim 581:7, riportato anche in Kaf HaChajim Sofer (Orach Chajim 581:76), Ben Ish Chai Nitzavim 2) 

Vigilia di Rosh HaShanàh: La Tefillàh

19 Elul! (20° giorno) 41-50

Spesso si cominciano a studiare le Halakhot delle Selichot e non rimane tempo per approfondire altri argomenti necessari durante le feste. Abbiamo trattato di alcuni argomenti riguardo alle Selichot, ed è possibile trovare più ampia trattazione nel libro "Le Halakhot del Mese di Elul", mentre riguardo a Rosh HaShanàh è possibile trovare alcuni approfondimenti su punti principali nel Maçhazor traslitterato ed essenziale per donne "Shanàh Tovàh". Trattiamo qui invece le halakhot degli Arba'at HaMinim, le quattro specie che è necessario scuotere durante Sukkot. Sottolineo che nei prossimi giorni toccheremo solo alcuni punti, ma è fondamentale saperli e 'tenerli di conto'.


2546. Tefillot. Il giorno che precede Rosh HaShanàh è l'ultimo giorno dell'anno. Pertanto è necessario sfruttarlo, perchè tutto va secondo la conclusione, e in base a ciò in particolare veniamo giudicati nel Giorno del Giudizio - Rosh HaShanàh. E' necessaria per questo motivo una particolare attenzione per le Tefillot. E' l'ultimo giorno di Tefillàh dell'anno - è necessario sfruttarlo bene. (Ben Ish Chai Nitzavim 2).

2547Tachanun. La Vigilia di Rosh HaShanàh non si recitano תחנוניםTachanunim ~ confessione dei peccati, essendo una vigilia di Yom Tov. A differenza delle altre vigilie, data l'importanza intrinseca del giorno stesso, non si recitano i tachanunim non solo a Minchàh, ma anche durante tutto il giorno, a partire da shacharit. (Ramà Orach Chajim 581:3). In ogni caso l'antivigilia di Rosh HaShanàh si recitano i Tachanunim a Minchàh e così nelle selichot recitate in quella notte. (Ben Ish Chai Nitzavim 2; Ramà Orach Chajim 581:3, cfr. Mishnàh Beruràh 581:23).


Rosh HaShanàh - Mikvèh

18 Elul! (19° giorno) 31-40

Spesso si cominciano a studiare le Halakhot delle Selichot e non rimane tempo per approfondire altri argomenti necessari durante le feste. Abbiamo trattato di alcuni argomenti riguardo alle Selichot, ed è possibile trovare più ampia trattazione nel libro "Le Halakhot del Mese di Elul", mentre riguardo a Rosh HaShanàh è possibile trovare alcuni approfondimenti su punti principali nel Maçhazor traslitterato ed essenziale per donne "Shanàh Tovàh". Trattiamo qui invece le halakhot degli Arba'at HaMinim, le quattro specie che è necessario scuotere durante Sukkot. Sottolineo che nei prossimi giorni toccheremo solo alcuni punti, ma è fondamentale saperli e 'tenerli di conto'.


2544. Molti uomini usano immergersi nel Mikvèh prima di Rosh haShanàh, per purificarsi da varie forme d'impurità in modo da esser puri per la tefillàh del giorno successivo. Tra le fonti di questo uso troviamo i romani Tanya Rabbati (siman 72) e Shibbole haLeqet (283); il Ramà nell'aggiunta allo Shulchan 'arukh (Orach Chajim 681:4), e il Chazon 'Ovadiàh (Yamim Noraim pagina 57, halakhàh 7).

2545 Quando l'uomo va al Mikvèh la vigilia di Rosh HaShanàh, è opportuno che s'immerga 5 volte, pensando alle seguenti questioni: (1) levarsi di dosso qualsiasi forma d'impurità per purificarsi, (2) purificarsi dalla collera (3) addolcire i giudizi severi su di sè, (4) levarsi i vestiti spirituali dei giorni feriali e la maledizioni ricevute durante l'anno passato e (5) accettare su di sé i vestiti spirituali del giorno di Rosh HaShanàh e le sue Benedizioni per tutto l'anno. Ben Ish Chai (Parashat Nitzavim 3)

Rosh HaShanàh - preparazione della Tefillàh

17 Elul! (18° giorno) 21-30

Spesso si cominciano a studiare le Halakhot delle Selichot e non rimane tempo per approfondire altri argomenti necessari durante le feste. Abbiamo trattato di alcuni argomenti riguardo alle Selichot, ed è possibile trovare più ampia trattazione nel libro "Le Halakhot del Mese di Elul", mentre riguardo a Rosh HaShanàh è possibile trovare alcuni approfondimenti su punti principali nel Maçhazor traslitterato ed essenziale per donne "Shanàh Tovàh". Trattiamo qui invece le halakhot degli Arba'at HaMinim, le quattro specie che è necessario scuotere durante Sukkot. Sottolineo che nei prossimi giorni toccheremo solo alcuni punti, ma è fondamentale saperli e 'tenerli di conto'.


2542. Prima di ogni festa è necessario studiare la lettura e la spiegazione della Tefillàh. Un tempo era necessario farlo perchè la tefillàh si recitava spesso a memoria. Oggi è comunque bene farlo, soprattutto per chi non sa leggere bene o non conosce bene il significato del testo, persino se si ha il siddur. (Orach Chajim 100, cfr Mishnàh beruràh in loco; cfr. Orach Chajim 582:9 e Pisqè Teshuvot 100:1, nota 4)

2543. Sono da prepararsi in modo particolare le tefillot e i piutim che rivestono grande importanza in questo giorno, anche avendo la possibilità di leggere dal siddur (Turè Zahav Orach Chajim 100, citato nella Mishnàh Beruràh 100:3)

La Mizvàh di scuoterlo

15 Elul! (16° giorno) 1-10

Spesso si cominciano a studiare le Halakhot delle Selichot e non rimane tempo per approfondire altri argomenti necessari durante le feste. Abbiamo trattato di alcuni argomenti riguardo alle Selichot, ed è possibile trovare più ampia trattazione nel libro "Le Halakhot del Mese di Elul", mentre riguardo a Rosh HaShanàh è possibile trovare alcuni approfondimenti su punti principali nel Maçhazor traslitterato ed essenziale per donne "Shanàh Tovàh". Trattiamo qui invece le halakhot degli Arba'at HaMinim, le quattro specie che è necessario scuotere durante Sukkot. Sottolineo che nei prossimi giorni toccheremo solo alcuni punti, ma è fondamentale saperli e 'tenerli di conto'.



2540 Chi - bambini? Un bambino che sa scuotere il Lulav come si deve secondo la halakhàh, il padre è tenuto a fornirgli un Lulav Kasher affinché lo possa istruire nelle Mizvot. (כ"כ Shulchan 'arukh Orach Chajim 657:1, vedi Beur Halakhàh 557:1 כדי) Quest'età corrisponde ai 5-7 anni a seconda della sveltezza del ragazzo. (vedi Mishnàh Beruràh 557:1) E' corretto però già da prima abituarlo a compiere la Mizvàh, ma non è necessario reperirgli un Lulav apposito (vedi Sha'arè Teshuvàh 557:1 che risolve così la contraddizione con lo Shulchan 'arukh Orach Chajim 558:6 in cui dice che anche un bambino più piccolo recita la Berakhàh sul Lulav quando lo scuote); nel caso sappia recitare la Berakhàh, la reciti (vedi Shulchan 'arukh Orach Chajim 558:6) mentre se non lo sa fare, compia i movimenti, ed è sufficiente. (כ"כ Beur Halakhàh 557:1 קטן a nome dell'Eliah Rabbàh che cita il Maharil ז"ל).

2541 Scuotere secondo la halakhàh. Significa che lo sa muovere avanti e indietro, sopra e sotto, persino se non sa fare i movimenti specifici. (כ"כ Mishnàh Beruràh 557:2(:4)) Sui movimenti specifici Be"H tratteremo un'altra volta.

Domanda. Ma devo comprargli un Lulav apposito?
In base alla norma stretta non è necessario acquistarglielo, ma è sufficiente che il padre dopo aver compiuto la Mizvàh glielo ceda [ponendo attenzione a non darlo a lui prima di averlo dato a tutti coloro che sono obbligati a compierla - vedi successivamente #]. Però se ne ha la possibilità economica, sicuramente è meglio comprare al figlio un Lulav per compiere i movimenti come si dovrebbe durante l'Hallel con il pubblico, che è molto meglio piuttosto che reciti solo la Berakhàh più tardi. (כ"כ Mishnàh Beruràh 557:4, la norma stretta è in base al Tossafot di 'Arakhin 3. e dell' 'Ittur, come riportato dal Maharshal ז"ל, mentre il 'corollario' è basato sul Turè Zahav; vedi Beur Halakhòh 557:1 אביו).

Speciale Anniversario: Ben Ish Chai

Il "Ben Ish Chai" è un testo scritto da Rabbenu Yossef Chajim ז"ל, spesso conosciuto più con il nome della sua opera che con il nome proprio.

Rabbenu Yossef Chajim ז"ל era un grandissimo פוסק Poseq ~ decisore di Halakhàh e Mequbbal. Nativo della Qehillat Qodesh di Bagdad יע"א, discende da una famiglia di grandi תלמידי חכמים Talmidè Chakhamim ~ n.l. saggi, tali Rabbenu Moshèh Chajim ז"ל, suo nonno e il padre Rabbenu Eliahu Chajim ז"ל.
Fin da piccolo Rabbenu Yossef Chajim ז"ל aveva dimostrato un innato amore per la Toràh HaQedoshàh e un enorme potenziale che stava sempre più sviluppando. E' diventato popolare agli occhi del vasto pubblico solo all'età di 26 anni alla scomparasa del padre Rabbenu Eliahu Chajim ז"ל, Darshan ufficiale a Bagdad,  che ha poi sostituito.

Famoso per essere un חכם Chakham ~ Saggio completo, su ogni singola questione sapeva rispondere, dalla Halakhàh alle questioni di Aggadàh e Midrashim, dal Tanakh fino alla Qabbalàh, passando per consigli per ogni questione pratica, dei singoli, delle famiglie, questioni tra moglie e marito, educazione, questioni pubbliche e comunitarie.

Un personaggio pubblico a tutti gli effetti. Senza poi contare tutte le questioni che gli venivano inviate dall'estero, da qualsiasi luogo in cui ci fossero ebrei. Dal Marocco all'India, dalla Spagna fino alla Turchia, per passare dall'Italia, tutti chiedevano domande al "Ben Ish Chai" su qualsiasi argomento. Tanto che i Chakhamim dell'Isola di Djerba, tra le più acculturate comunità al mondo all'epoca dicevano che chi riceve dal "Ben Ish Chai" è come se ricevesse direttamente dal Sinai!

Ogni Shabbat Qodesh teneva una derashàh fissa di 3 ore di fila prima di Minchàh nel Bet HaKenesset "piccolo" di Bagdad יע"א. Si chiamava "piccolo" rispetto a quello grande, poichè conteneva meno di 1000 persone... che ogni shabbat era gremito di uomini, donne e bambini, tutti desiderosi di sentire Rabbenu Yossef Chajim ז"ל, che aveva capacità oratorie incredibili.

3 ore d'intrattenimento puro a suon di Derashot sulla Toràh, sulla Haftaràh, משלים Meshalim ~ parabole, storie vere ed inventate, Halakhot in un mix unico e concentrato come solo un Grande sapeva dare.  Si racconta di lui che non ripetesse mai la stessa cosa.

In quattro Shabbatot all'anno, particolari per le loro derashot, si passava poi al Bet HaKenesset "Grande", riempito anch'esso completamente, fino ad avere persone che ascoltavano da fuori. In queste occasioni accadeva un miracolo evidente a tutti - tutti, ovunque si trovassero, riuscivano a sentirlo senza problemi... [oltre all'avere tutto il pubblico in silenzio, cosa comunque necessaria in un Bet HaKenesset per rispetto al luogo, oltre che alla persona che fa la Derashàh].

In vita ha pubblicato oltre 50 opere, che sono neanche un quarto di quelle che ha scritto effettivamente, ricoprendo così ad ampio raggio molteplici canali dello scibile umano. Una delle opere più famose è il "Ben Ish Chai", che è una riduzione di un paio d'anni dei suoi discorsi delle derashot di Shabbat, prendendo solo la parte di Halakhàh e anticipandola con un piccolo Devar Toràh sulla Parashàh settimanale (o sui Pirqè Avot nel periodo dell''Omer), solitamente con un rivestimento "secondo la Qabbalàh"  spiegata in un modo che anche chi non fosse troppo dentro la Qabbalàh potesse comprendere. [Oggi si fatica un po' di più per comprendere determinate parti, poichè molto più spesso mancano le basi... Be"H di migliorare!]

Il Ben Ish Chai in sintesi è una specie di "Qitzur Shulchan 'Aruch" scritto in modo abbastanza innovativo. Sia perchè viene diviso per "parashot", in cui viene trattato in ognuna un argomento principale differente; sia perchè ogni argomento viene unito attraverso la Derashàh con un פסוק pasuq ~ versetto da cui comincia la Derashàh. La sintesi delle Halakhot è doppiamente particolare, sia per la relativa concisione sia perchè ciò non toglie che spesso vengano spiegate meglio le motivazioni per cui ci vengono date determinate halakhot, spesso anche rivelando ciò che c'è dietro l'apparenza delle cose.

Oggigiorno il "Ben Ish Chai" è considerato un "must" della Halakhàh, in particolare sefaradita per gli usi spesso riportati, ma che ha avuto comunque diffusione in tutto il Mondo.

Dimenticavo, Rabbenu Yossef Chajim ז"ל è mancato 107 anni fa, proprio oggi, il 13 di Elul.

Differenza tra Kasher e Mehuddar

14 Elul! (15° giorno) 141-150

Spesso si cominciano a studiare le Halakhot delle Selichot e non rimane tempo per approfondire altri argomenti necessari durante le feste. Abbiamo trattato di alcuni argomenti riguardo alle Selichot, ed è possibile trovare più ampia trattazione nel libro "Le Halakhot del Mese di Elul", mentre riguardo a Rosh HaShanàh è possibile trovare alcuni approfondimenti su punti principali nel Maçhazor traslitterato ed essenziale per donne "Shanàh Tovàh". Trattiamo qui invece le halakhot degli Arba'at HaMinim, le quattro specie che è necessario scuotere durante Sukkot. Sottolineo che nei prossimi giorni toccheremo solo alcuni punti, ma è fondamentale saperli e 'tenerli di conto'.

2538 Kasher e Mehuddar. Nella Mizvàh degli Arba'at HaMinim troviamo una differenza evidente tra Kasher ~ idoneo [per compiere la Mizvàh] e Mehuddar ~ bello. Ad esempio - un Etrog potrebbe avere numerose macchie marroncine sulla parte bassa dell'Etrog, e nonostante questo è comunque considerato kasher. Ciò nonostante non è Mehuddar. Un Etrog grande KaBetzàh [volume pari a 56 cc] è kasher, ma è minuscolo, e generalmente per questo non è Mehuddar. (vedi Shulchan 'arukh Orach Chajim 648:22 e commentatori) A priori bisogna cercare gli Arba'at HaMinim Mehuddarim, per compiere la Mizvàh nel modo migliore.

2539 Fin quanto? Però c'è un limite - se ho un set di Arba'at HaMinim 'kasher' non ho necessità di spendere qualsiasi cifra per permettermi un set Mehuddar. Nel caso però la differenza sia di solo un terzo del prezzo (Milegav) ossia, se generalmente il set costa 30, allora se viene offerto un set migliore a 40 [30 più 10 che è un terzo di 30], è tenuto ad acquistarlo. Se costasse già 41 (o 45 - terzo Milebar ) non ha alcun obbligo in merito, ma se può permetterselo è positivo farlo. (vedi Shulchan 'arukh Orach Chajim 556:1 e commentatori)

Reperire gli Arba'at HaMinim




13 Elul! (14° giorno) 131-140 

Spesso si cominciano a studiare le Halakhot delle Selichot e non rimane tempo per approfondire altri argomenti necessari durante le feste. Abbiamo trattato di alcuni argomenti riguardo alle Selichot, ed è possibile trovare più ampia trattazione nel libro "Le Halakhot del Mese di Elul", mentre riguardo a Rosh HaShanàh è possibile trovare alcuni approfondimenti su punti principali nel Maçhazor traslitterato ed essenziale per donne "Shanàh Tovàh". Trattiamo qui invece le halakhot degli Arba'at HaMinim, le quattro specie che è necessario scuotere durante Sukkot. Sottolineo che nei prossimi giorni toccheremo solo alcuni punti, ma è fondamentale saperli e 'tenerli di conto'.

2536 Non si trova Kasher. Nel caso disperato in cui in tutta la città non si trovino Arba'at HaMinim che sono kasher, allora si sollevano altri non kasher senza recitare la Berakhàh (כ"כ Shulchan 'arukh Orach Chajim 649:6 e Mishnàh Beruràh 649:52) Questa halakhàh è importante per renderci conto fino a che punto è importante recuperare gli Arba'at HaMinim, preferibilmente avendo un set per sé stessi, perché se in città ci fosse anche un solo set kasher, questa facilitazione non è valida, ma è necessario che tutti gli abitanti della città s'impegnino a farsi dare quegli Arba'at HaMinim dall'abitante in città. (vedi Mishnàh Beruràh 649:52) B"H oggi che sono disponibili gli Arba'at HaMinim [pur a prezzo non indifferente, anche se è importante che il prezzo venga adeguato dove possibile per permettere a tutti di acquistarlo] è una Mizvàh molto importante reperirli.

2537 Quanto? Bisogna sapere che è una Mizvàh comprare gli Arba'at HaMinim, se necessario fino anche all'investimento di una parte sostanziale dei propri beni. C'è chi sostiene sia necessario spendere fino a un quinto dei propri beni (Ramà ז"ל Orach Chajim 556:1), e c'è chi sostiene sia necessario un decimo (vedi Mishnàh Beruràh 556:8(:8) in base al Bet Yosef a nome di Rabbenu Yeruçham), e c'è chi sostiene che si tratti di un decimo dei propri guadagni dell'anno [e se è il primo, del capitale iniziale], e non del capitale totale. (così riporta nelle note Ish Matzliach 6:256:1 che spiega il Bet Yosef a nome di Rabbenu Yeruçham) Comunque sia, è evidente che si tratta comunque di cifre non indifferenti per la stragrande maggior parte delle persone.
[Questo non significa che si possano alzare i prezzi quanto si voglia, ma il compratore dev'essere conscio che non può nascondersi dietro la scusa 'costa tanto' per evitare di compiere quest'importantissima Mizvàh. E' preferibile investire meno in 'corollari' come abbondanza di carni, di beni e di cibo, e investire in quest'enorme Mizvàh. Chiaramente, come chiunque investa - cerca di investire bene, trovando gli Arba'at HaMinim migliori possibili a parità di prezzo; per questo è fondamentale conoscere nel dettaglio le halakhot, di cui tratteremo solo alcune in questa sede, per mancanza di tempo. Consigliato a chi ne ha le capacità di studiarsi libri appositi]

Chi sa di avere difficoltà economiche, se ne ha la possibilità è corretto cominci già a mettere da parte quanto sa necessario nel suo luogo per reperire un set di Arba'at HaMinim, e Be"H questo porterà anche Berakhàh per tutto il resto dell'anno, perché quanto più s'investe per le feste e le loro necessità, quanto più HaQadosh Barukh Hù aggiunge. (vedi Betzàh 16., vedi inoltre Mishnàh Beruràh 242:4, in cui vengono illustrati anche i limiti halakhici)